Ginestra

I suoi abitanti sono per lo più i discendenti di esuli greco-albanesi che nel 1478 in queste contrade, originariamente denominate Lombarda Massa, trovarono dimora grazie alla concessione del feudatario di Ripacandida, Troiano Caracciolo.

In questo piccolo borgo sono ancora vive le tradizioni e la lingua arbëreshe, classificata ufficialmente come “endangered language” nell’UNESCO Redbook of the Endangered Languages. Nel 1999, il Parlamento Italiano ha concesso a tale lingua, con altre undici lingue minoritarie parlate in Italia, lo status di “minoranza etnico-linguistica storica”.

Da visitare  la Chiesa Madre o di San Nicola risalente al 1500 e la Chiesa della Madonna di Costantinopoli del 1588 che conserva al suo interno un bellissimo il dipinto di Madonna.

www.comune.ginestra.pz.it


Ginestra nel Parco

Il 96,6% dei 13,21 km² del suo territorio comunale rientra all'interno del Parco. Il nome del paese deriva dalla pianta di ginestra, abbondantissima lungo i pendii del suo territorio oggi al centro di un interesse etnobotanico internazionale. Il suo paesaggio naturale definisce al contempo luoghi fisici legati ad attività produttive o di raccolta di erbe spontanee, ma anche luoghi indistinti, che circoscrivono ambiti e percorsi culturali.


chiesa di san nicola
lingua arbereshe
panoramica
panoramica aerea
portale antico

San Fele

San Fele

Ruvo del Monte

Ruvo del Monte

Ripacandida

Ripacandida

Rionero in Vulture

Rionero in Vulture

Rapolla

Rapolla

Melfi

Melfi

Ginestra

Ginestra

Barile

Barile

Atella

Atella

itzh-CNenfrdejaptrues

logo IT

 

 

Il presente sito si ispira alle nuove linee guida di design per i servizi web delle PA

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 2.0 Italia

© parcovulture.it - Tutti i diritti riservati